Mercato delle aste: orologi, gioielli, arte contemporanea e design le categorie in maggiore crescita

Mercato delle aste: orologi, gioielli, arte contemporanea e design le categorie in maggiore crescita

Con il titolo “Tomorrow – The view from today”, Barnebys ha presentato il suo terzo report sul mercato delle aste online.
Il report esamina come sono cambiate le abitudini di spesa degli utenti negli ultimi due anni, cosa ha generato questi cambiamenti e quali sono le conseguenze per il business delle aste.

I risultati sono emersi da un ampio studio sul comportamento online degli utenti condotto da Barnebys, lo strumento di ricerca che raduna oltre 3.000 case d’asta e gallerie in tutto il mondo.
Il report si basa sui risultati d’asta di oltre 65 milioni di lotti venduti in 22 paesi e delle sessioni di 16.4 milioni di utenti rispetto a quasi 5 milioni di lotti.

Per quanto riguarda gli acquirenti, dall’analisi dei dati risulta che gli over 45 spendono e comprano online più di quanto facciano i giovani: sono loro che dominano ancora il mercato globale e che stanno migrando verso l’accesso tramite mobile, a discapito di quello da desktop.

La clientela più giovane è tuttavia in aumento: questo si riflette anche nei prezzi degli oggetti acquistati. Nonostante ci sia un incremento delle vendite nelle fasce più alte di prezzo, specialmente in quella tra i 1.000 e i 5.000 euro, le vendite al di sotto dei 100 euro sono nettamente aumentate.

In molti mercati – come Stati Uniti, Gran Bretagna e Svezia – ci sono sempre più clienti donne. Ciò comporta uno spostamento dell’interesse dell’utente medio, che non cerca più solo medaglie e orologi ma anche arte contemporanea, design e home décor.

A cambiare non sono solo gli acquirenti: anche dall’altra parte della barricata sta accadendo qualcosa. Fino a poco tempo fa, le motivazioni della messa all’asta degli oggetti erano generalmente riconducibili alle “tre D”: Death, Divorce, Disgrace (morte, divorzio, disastro). Le nuove ragioni che spingono a vendere ora sono invece il “Decluttering” (eliminazione del superfluo) e il “Downsizing” (ridimensionamento).

I gioielli e gli orologi sono la categoria che vede una maggiore crescita, a discapito dei siti peer-to-peer. Il brand più cercato è sempre Rolex, seguito a ruota da Cartier, Omega, Bulova e Tiffany.

Un’altra parola chiave è “marchio”: per mantenere la fiducia dei propri clienti e attrarne di nuovi, la cura del brand è diventata oggi assolutamente indispensabile per le case d’asta. Questo deve essere fatto anche online, dove potenziali acquirenti e venditori cercano case d’asta di fiducia.

www.barnebys.it

Mercato delle aste: orologi, gioielli, arte contemporanea e design le categorie in maggiore crescita