Laboratorio per piccoli designer: "L'oggetto che non c'è"

Laboratorio per piccoli designer: “L’oggetto che non c’è”

Partendo dalla progettazione di Glifo, uno strumento che aiuta i bambini con gravi disabilità a diventare indipendenti nella scrittura e nel disegno, si introducono i bambini ai capisaldi del Metodo Albiniano: Essenza nella funzionalità, Scomposizione della gestualità, Verifica dell’obiettivo, Collettività come inclusione.

La finalità è portarli a ragionare sul Design come strumento per aiutare le persone a risolvere problemi sociali, favorendo l’immedesimazione con chi è meno fortunato e rendendoli consapevoli di avere un ruolo per poter aiutare il prossimo.

SVOLGIMENTO
Pillola di cultura: Breve introduzione al concetto di Scomposizione e Ricomposizione e di Responsabilità sociale.
Rompighiaccio: Ricomporre i pezzi scomposti di Glifo e indovinare di che strumento si tratta.
Racconto dell’idea che ha portato alla realizzazione di Glifo da parte di giovanissimi designer
Coinvolgimento: Riflessione dei bambini sulle diverse catogorie di persone che hanno difficoltà.
Brief: Sottoponiamo ai bambini la storia di tre persone che hanno bisogno di un oggetto che non esiste e che possa aiutarle a risolvere la difficoltà.
Lavoro di gruppo: suddivisione dei bambini in 3 gruppi di lavoro, assegnando a ciascuno una storia. Ogni gruppo, aiutato dai designer, dovrà progettare una soluzione ed esporre la propria idea al gruppo.
Al termine dei laboratori verrà consegnata la Medaglia dei designer.

Sabato 19 maggio, h.11.00
sede: Fondazione Franco Albini Via Telesio 13, Milano
Fascia di età: 6-11
Costo: 10 euro

Per informazioni e prenotazioni:
Fondazione Franco Albini
Via Telesio 13,
20145 Milano
www.fondazionefrancoalbini.com
info@fondazionefrancoalbini.com
02 4982378

Laboratorio per piccoli designer: "L'oggetto che non c'è"

Annunci